Finalisti Bando La Buona Grafica

La giuria (composta da Giulia Alonzo, Alessandro Bollo, Paolo Dalla Sega, Mariagrazia Fanchi e Luca Monti) si è espressa ed ecco i tre finalisti della prima edizione del Bando La Buona Grafica che si incontreranno a Milano il 29 gennaio per raccontare davanti agli studenti del MEC – Master Eventi Culturali il proprio progetto.

–> Per il Premio La Buona Grafica l’artista Valentina De Martini ha regalato un suo lavoro.
Valentina De Martini ha frequentato l’Istituto d’Arte Jona Ottolenghi di Acqui Terme, ha un Diploma di Stilista-Modellista e di Scenografia. Ha danzato con la compagnia Artinscena per Vignale Danza. È direttrice artistica della compagnia teatrale “Gli Instabili” di Lu Monferrato. Da sempre disegna, dipinge e decora.

# Mosto (Podere dal Nespoli)
Scheda di presentazione del progetto grafico:
Per l’immagine coordinata, siamo partiti dalla suggestione del nome stesso. I modi del vino e delle storie si incrociano subito.
Il mosto è uva in fermentazione, guardando un tino dall’alto si intuisce il movimento delle vinacce. Da questo, la scelta di lasciar fluttuare le lettere che ne compongono il nome.
Così come il mosto è il succo dell’uva in trasformazione, così è in divenire anche il succo delle storie che durante i giorni del festival si raccontano e si ascoltano, nelle varie forme che possono prendere, e che possono trasformare le percezioni di chi le ascolta.
Anche il logo ha un duplice legame con i mondi del vino e delle storie: sono due parentesi tonde e tre righe, come riferimento alla punteggiatura di un racconto, così rappresentano anche, contemporaneamente, una botte stilizzata.
Per la seconda edizione, che ha avuto un sotto-tema specifico (L’attimo prima della partenza) abbiam scelto di coniugare un’illustrazione d’epoca: la tuffatrice sullo scoglio, che esprime già in potenza la decisione di un’azione, che non è ancora accaduta, e che esprime per noi bene quell’attimo prima del primo passo di un nuovo cammino che si è deciso di intraprendere.
mosto18_social_r01

# Opera Prima (Rovigo)
Scheda di presentazione del progetto grafico:
Il festival, con tutta la sua gloriosa storia, ripartiva dopo nove anni di vuoto. Non era come ripartire da zero ma occorreva comunque creare un progetto di rilancio, sia da un punto di vista visivo che comunicativo, affine alle nuove generazioni a cui pure il Festival si rivolgeva.
Abbiamo seguito 3 fasi:
1- elaborazione del logo
2- comunicazione / social media
3 – ideazione immagine / ‘’brand’’ XIV edizione
1. Il logo è molto semplice. È composto dal nome FESTIVAL OPERA PRIMA e da un PITTOGRAMMA. Il pittogramma può essere associato alle iniziali che si intersecano: la O di opera viene segnata da una linea che forma la P di prima. Oppure è come uno “zero barrato” che in matematica sta per “insieme vuoto”, come il teatro delle opere prime a cui si vuole dar voce, come un festival che riparte e si rilancia.
2. Oltre all’utilizzo classico dei social (instagram con le stories; Facebook con post e sponsorizzazioni), fondamentale è stato agganciare il nostro progetto di comunicazione al progetto realizzato con Momec (produzione del Festival). Momec indagava e ricercava una memoria collettiva recuperando i ricordi dei cittadini, sia attraverso banchetti installativi in centri commerciali e nelle piazze, sia attraverso i social. Queste azioni hanno creato una forte aspettativa in città rispetto alle giornate del Festival.
3. Fondamentale è stato anche trovare l’immagine originale per il materiale cartaceo (brochure – manifesti). Partendo dal fatto che l’edizione del festival era la XIV con il sottotitolo di generazioni, abbiamo pensato alla XIV carta dei tarocchi – la TEMPERANZA. Ecco allora che abbiamo creato (a partire da un nostro scatto fotografico) l’immagine di una ragazza vestita di bianco, dal volto coperto, che versa acqua in una brocca. L’acqua versata da una brocca all’altra rimanda alla circolarità del tempo e delle generazioni, così come quel volto velato all’inconoscibile che è proprio del teatro.
banner-web---festival-opera-prima-edizione-xiv---generazioni

# Pergine (Pergine)
Scheda di presentazione del progetto grafico:
Il 2018 ha inaugurato un percorso triennale dedicato al senso di appartenenza a un terriotorio in relazione con l’essere comunità: co-creare e condividere un luogo, per far convivere il singolo all’interno di una molteplicità e di un territorio condiviso.
L’identità visiva di Pergine Festival parte da questo presupposto progettuale e attiva un necessario processo di scomposizione e ricomposizione in maniera fluida delle vecchie strutture, in particolare del logo dell’associazione, donandogli movimento. La matrice è il concetto di identità dinamica che può essere ricercata in natura nella forma delle piante, nella matematica, nella geometria e nella musica. Qualcosa di mutevole e in costante movimento, una successione continua di eventi, di processi e di trasformazioni. Un’identità, quella del Pergine Festival, che ha più volte cambiato pelle negli anni.
La peculiarità del progetto visivo è quindi, quella di assumere molteplici forme e di relazionarsi sia con il contesto urbano che con quello strettamente comunicativo del festival. Un’identità mutevole che vuole restituire all’immaginario visivo di Pergine Festival quella connotazione di evento diffuso e fruibile in modo dinamico da tutti gli abitanti. Il Festival ambisce infatti a fare della sua passata debolezza (l’assenza di un luogo fisico) il suo punto di forza, concentrandosi su due parole chiare: territorio e comunità.
Il sistema d’identità prende le sue forme intorno a immaginari non astratti, bensì esperienziali, definiti attraverso la reinterpretazione della mappa della città (attraverso l’intersezione di linee nere fluide), in cui i personaggi restituiscono il senso di comunità e di condivisione. I personaggi disegnati riposizionano le persone al centro, e ricordano la rete di relazioni che si attiva in uno spazio di condivisione.
46915755_512997965865866_4109422574214053888_n

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.