Festival Opera Barga | luglio-agosto

Dal 27 luglio al 5 agosto 2017.
Musica sacra, musica da camera, musica antica, concerti per pianoforte.
https://www.operabarga.it/
Sede principale: Teatro dei Differenti, Barga.
Presidente: Nicholas Hunt.
Direttore artistico: Massimo Fino.

LA STORIA DEL FESTIVAL
Nasce nel 1967 su iniziativa dei coniugi inglesi Peter Hunt e Gillian Armitage con l’obiettivo di “contribuire alla formazione e al lancio di giovani cantanti, strumentisti e artisti scenici, e di fornire loro una vetrina prestigiosa e un’importante occasione di confronto e maturazione artistica.” Nel novembre 1998, con la ristrutturazione del Teatro dei Differenti e la scelta del direttore artistico, Massimo Fino, nascono vari progetti, come la ricerca sull’opera vivaldiana o la musica da camera eseguita durante “Musica nei Borghi”. Negli ultimi anni, alla manifestazione si sono affiancati i corsi di alto perfezionamento tenuti dalla Cardiff International Academy of Voice diretta da Dennis O’Neill,
Oggi il Festival Opera Barga, costituito in Associazione Culturale, è diretto dal figlio dei due fondatori, Nicholas Hunt.

DA VEDERE A BARGA E DINTORNI

Barga è un borgo medievale nel cuore della Garfagnana.
Vicino a Barga si rifugiò a partire dal 1895 Giovanni Pascoli, prendendo in affitto una villetta Castelvecchio di Barga con il cagnolino Gulì e la sorella Maria. Giovanni e Mariù dormivano in due camere simmetriche nella disposizione del mobilio e adiacenti, con le testate dei letti separate da un esile muro e la porta sempre aperta. I tre riposano tra gli alberi di limone e i vigneti: Gulì sotto una lapide in giardino, Giovanni e Maria nella cappella, in due tombe bianche, una sopra l’altra. Quel villino, ribattezzato dal poeta La Caprona, è oggi una commovente casa-museo. INDIRIZZO: Casa-Museo Pascoli, Località Caprona, 55051 Barga.
Poco distante da Barga, si trova Bagni di Lucca, località nota fin dall’antichità per le sue terme, sede di antichi culti prima celtici e poi dedicati alla dea Diana. La storia, o la leggenda, dice che i Triumviri Cesare, Pompeo e Crasso, dopo essersi divisi il mondo nel 56 a.C., siano venuti a passare le acque proprio in questa località. Suggestive le grotte a vapore naturale con una temperatura che oscilla tra i 42 e i 46°C, come la Grotta Paolina (così battezzata in onore della sorella di Napoleone), costituita da due cavità, ciascuna delle quali è alimentata da una propria sorgente con diversa temperatura. Le acque solfato-bicarbonato-calciche delle grotte sono considerate utili per la cura di patologie di tipo reumatico e da stress.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...